Articoli taggati :

burn brighter

Photos – D*FACE @MetroGallery (AUS)

Qualche settimana fa abbiamo postato un articolo dedicato allo street artist britannico D*Face, focalizzandoci sulla mostra che da lì a poco avrebbe aperto a Victoria, in Australia. Bene, il 2 Novembre (con preview su invito il giorno prima) la Metro Gallery ha inaugurato l’evento…e devo dire che come ogni volta D* mi ha lasciato senza parole…i lavori sono sempre di altissimo livello, ed il suo stile è ormai inconfondibile…lui ama chiamarlo “aPOPcalypse”…
Splendidi come sempre i suoi libri della serie “Read & Destroy”, tomi fatti a pezzi e riassemblati con lo stile dello street artist…o i “Flutterdies”, insetti che al posto del corpo hanno dei tappini per gli spray…
Un po di foto per rendere l’idea…aspettando un suo show qui nel vecchio continente…magari nella “sua” Londra…

D*FACE – Burn Brighter @ MetroGallery

Sono sempre stato un grande appassionato d’arte contemporanea, con un’occhio di riugardo verso la Street Art. Negli anni ho avuto modo di avvicinarmi a diversi artisti che appartengono a questo movimento, ma forse quello a cui sono sempre rimasto più fedele è il britannico D*face…partito dal basso (come tutti gli “operanti” di strada) è arrivato negli ultimi anni a fare lavori per case di moda (RICHMOND), artworks per musicisti (la Cover di BIONIC della Aguilera è un capolavoro), e le sue opere fanno parte delle collezioni di gente del calibro di Jude Law, la suddetta Christina Aguilera, Lindsey Lohan, Pitt+signora, il sottoscritto 🙂

Il 2011 è stato un anno incredibile per D*, ha visto la sua prima personale nella città degli angeli lo scorso Maggio “Going Nowhere Fast” alla Corey Helford Gallery (57 opere sold-out in una settimana!!!), ed inaugurerà il prossimo 2 novembre la mostra dal titolo “Burn Brighter”, prima personale dello street artist in Australia.
In attesa di una bella expo qui nel vecchio continente al più presto, posto qui sotto la locandina della mostra nella terra dei canguri e qualche foto della mostra di LA “Going Nowhere Fast”.